Premier League, Liga e Bundesliga: Top e Flop dei campionati esteri

Inauguriamo una nuova rubrica targata Parola al calcio. Parliamo dei Top&Flop relativi ai tre principali campionati stranieri: Premier League, Liga e Bundesliga. A partire da questo martedì vi racconteremo le gare dei top club esteri attraverso i migliori e i peggiori del week-end.

I Top

Salah Kane
Salah e Kane (copyright: Liverpool FC)

Mohamed Salah e Harry Kane – Ventuno centri in venticinque partite per l’egiziano, cento gol con gli Spurs per l’attaccante inglese. Entrambi protagonisti di Liverpool-Tottenham, uno con una doppietta (Salah), l’altro con due rigori, uno sbagliato e uno realizzato al 95′, per il 2-2 finale.

Aaron Ramsey e Pierre-Emerick Aubameyang – Nel 5-1 con cui l’Arsenal travolge l’Everton c’è spazio sia per la tripletta del centrocampista, sia per il gol dell’ex Borussia Dortmund, all’esordio con i Gunners.

Alexis Sanchez – Segna la prima rete con la maglia del Manchester United, nel 2-0 dei Red Devils contro l’Huddersfield.

Burnley – La strepitosa stagione degli uomini di Sean Dyche (7° posto in campionato) prosegue con l’1-1 contro la capolista Manchester City. I Clarets riescono a fermare Guardiola all’82’, grazie al gol di Gudmundsson.

Giampaolo Pazzini – Gli bastano dodici minuti per far impazzire i suoi nuovi tifosi, siglando all’89’ il gol del definitivo 2-2 grazie a cui il Levante riesce a bloccare il Real Madrid. Su azione non segnava da dieci mesi, precisamente da Bari-Verona del 22 aprile.

Angel Correa – Decisivo nella vittoria del suo Atletico Madrid nello “spareggio” per il terzo posto contro il Valencia. Trafigge l’ex juventino Neto con un bolide imparabile.

Michy Batshuayi – Il sostituto di Aubameyang si mette in mostra con una doppietta all’esordio nel 3-2 al Colonia. Soltanto lo stesso Aubameyang, prima di lui, era riuscito a segnare più di un gol alla prima gara in giallonero.

Bayern Monaco – Il 2-0 al Mainz firmato da Ribery e James Rodriguez è la diciannovesima vittoria nelle venti partite giocate sotto la gestione Heynckes.

Lipsia – Approfittando dello stop dello Schalke, battuto dal Werder Brema, i prossimi avversari del Napoli in Europa League conquistano la seconda posizione – assieme al Bayer Leverkusen – battendo il Borussia Moenchengladbach con la rete di Lookman, appena acquistato dall’Everton.

I Flop

Jonathan Moss ed Eddie Smart – Stravolgono Liverpool-Tottenham con le loro decisioni, regalando due rigori agli ospiti (nel primo c’era fuorigioco di Kane, nel secondo il contatto tra Van Dijk e Lamela è molto, molto dubbio). Il bello – o il brutto – è che in entrambi i casi è il guardalinee (Smart) ad avvisare il direttore di gara.

Antonio Conte – Perde male contro il Watford (4-1) e vede il Manchester United, secondo, lontano sei lunghezze. Sembra a un passo dall’esonero, ma per ora viene confermato sulla panchina del Chelsea.

Vincenzo Montella – Il suo Siviglia viene travolto 5-1 dall’Eibar. Come nel derby contro il Betis prende cinque reti e la prima la subisce dopo neanche un minuto.

Gerard Piqué e Gerard Moreno – Con i loro gol decidono Espanyol-Barcellona (1-1), eppure finiscono entrambi tra i flop. Perché? Alla viglia del derby Piqué ricorda come lo stadio dell’Espanyol si trovi a Cornellà e non a Barcellona, e per tutta risposta il difensore viene subissato dai fischi del pubblico di casa. Lo stesso Piqué, in occasione della rete di Moreno, sbaglia l’intervento rischiando di colpire con un calcio in pieno volto l’autore del gol, ma poi realizza il pareggio portandosi il dito alla bocca nell’esultanza. Nel finale, stufo delle continue provocazioni dell’avversario, Moreno decide di entrare duro su Piqué, rischiando di infortunarlo seriamente alla caviglia (il difensore dovrebbe saltare almeno la prossima partita). Cosa dovevano fare di più, per entrare nella lista dei flop?

Risultati e classifiche

Clicca qui per i risultati e la classifica della Premier League

Clicca qui per i risultati e la classifica della Liga

Clicca qui per i risultati e la classifica della Bundesliga

Paolo Gaetano Franzino

Nato a Roma nel 1993, laureato in Scienze della Comunicazione nel 2015. Scrivo di calcio internazionale su “Fox Sports”, di calcio regionale su “Il Calcio di Max” e di calcio in generale su “Parola al calcio”.