Serie A, Top e Flop della 28° giornata

Per la prima volta dall’inizio del campionato, la Juventus sale al comando solitario della classifica, battendo 2-0 l’Udinese con la doppietta di Dybala e approfittando dello 0-0 del Napoli in casa dell’Inter. I nerazzurri, così come la Lazio, fermata sul 2-2 dal Cagliari, perdono terreno nei confronti della Roma, che nell’anticipo del venerdì supera il Torino con i gol di Manolas, De Rossi e Pellegrini.

Il primo gol in Serie A di André Silva permette al Milan di espugnare il Ferraris e staccare in classifica la Sampdoria, travolta 4-1 dal Crotone. L’Atalanta resta in scia di rossoneri e blucerchiati con il successo esterno sul Bologna, mentre la Fiorentina, per la prima volta in campo senza Astori, batte di misura il Benevento. In zona salvezza, vittoria del Verona ai danni del Chievo e pareggio tra Sassuolo e Spal.

Questo il racconto della 28° giornata attraverso Top e Flop. Vi invitiamo a cliccare qui per i risultati e la classifica aggiornata.

Serie A: i Top…

Dybala Serie A
Paulo Dybala copyright: GhanaSoccerNet)

Paulo Dybala – Il re della domenica. Gli onori delle cronache sono tutte per lui, protagonista assoluto del sorpasso della Juventus ai danni del Napoli.

Kostas Manolas e Daniele De Rossi – Nel ricordo dell’ex compagno Astori, segnano e regalano tre punti importantissimi alla Roma per la lotta al terzo posto.

Il tacco di Immobile – Diciannove anni dopo Roberto Mancini, un calciatore della Lazio segna con il tacco. In questa stagione il centravanti biancoceleste sembra poter segnare con ogni parte del corpo.

André Silva – Il protagonista che non t’aspetti. Al 94′ è lui a far esultare i tifosi del Milan.

André Silva Gol Genoa-Milan
L’esultanza di André Silva (copyright: sito ufficiale Milan)

La Curva Fiesole – USSI e AST, associazioni di stampa toscane, alla vigilia di Fiorentina-Benevento hanno proposto alle redazioni italiane di non giudicare la prestazione dei ventidue in campo. A modo nostro, accogliamo questa richiesta, inserendo tra i ‘Top’ la splendida coreografia della Curva Fiesole, una cornice perfetta per il gol decisivo di Vitor Hugo.

Marten de Roon – Il suo destro regala all’Atalanta i tre punti contro il Bologna. Bergamaschi ancora in corsa per un posto in Europa League.

Leonardo Pavoletti – Il simbolo della resistenza del Cagliari. Si sacrifica per la squadra, trovando il gol e provocando successivamente un calcio di rigore.

Marcello Trotta – È la sua domenica: sbaglia un rigore ma realizza una doppietta.

Alex Meret – I suoi guantoni sull’importante pareggio della Spal nel derby contro il Sassuolo. Consegna agli estensi il terzo risultato utile di fila, dopo le vittorie con Crotone e Bologna.

Antonio Caracciolo – A sorpresa, decide il derby di Verona con un inserimento perfetto, dando ai gialloblu il dovere di credere ancora nella salvezza.

… e i Flop della 28° giornata

Mertens Inter-Napoli
Dries Mertens braccato dai calciatori dell’Inter (copyright: Calciomercato.com)

Inter-Napoli – Poche occasioni concrete, l’Inter si chiude bene e il Napoli non punge. In due giornate i partenopei hanno perso cinque punti dalla Juventus, mentre i nerazzurri, con un incontro da recuperare, sono staccati di quattro lunghezze dal terzo posto.

Lazio&Var – Un’accoppiata poco felice. Effettivamente, negli ultimi tempi, la tecnologia non ha aiutato molto i biancocelesti, come nel caso del rigore non assegnato sul fallo subito da Immobile.

Una Sampdoria irriconoscibile – La squadra di Giampaolo è capace di mettere sotto la Juventus, ma anche di incassare quattro gol dal Crotone senza battere ciglio. Quando questi blackout saranno sistemati, i blucerchiati potrebbero puntare pure a qualcosa di più del sesto posto.

Gabriele Angella – Fa da capro espiatorio ai suoi compagni nella sconfitta contro la Juventus. L’atteggiamento dei bianconeri è stato troppo rinunciatario, ma il difensore si fa notare in negativo commettendo i falli per la punizione di Dybala e il rigore di Higuain, facendo un errore anche in occasione del secondo gol del numero dieci.

Andrea Belotti – Contro la Roma il Torino regge un tempo e poi crolla sotto i colpi dei giallorossi. Neanche nella prima frazione, però, il centravanti riesce ad impensierire la difesa avversaria, sprecando malamente l’unica occasione della partita.

Matteo Politano – Sbaglia un calcio di rigore facendosi murare da Meret. Lo specchio di un Sassuolo che sulla carta non dovrebbe essere coinvolto nella lotta per non retrocedere.

Il Chievo – Una delle peggiori prestazioni stagionali da parte dei gialloblu, mai pericolosi verso la porta di Nicolas. Assurdo il crollo che ha accusato la squadra di Maran, sempre più invischiata nella lotta salvezza.

Paolo Gaetano Franzino

Nato a Roma nel 1993, laureato in Scienze della Comunicazione nel 2015. Scrivo di calcio internazionale su “Fox Sports”, di calcio regionale su “Il Calcio di Max” e di calcio in generale su “Parola al calcio”.